Sony Alfa 900: i primi scatti

16 01 2009

Ecco di seguito i primi scatti eseguiti con la fotocamera digitale reflex Sony Alfa 900, una full frame che mi ha subito conquistato per la pulizia d’immagine  e la resa alle alte sensibilità.


1/4 s @ F/2,8 – ISO 800


1/13 s @ F/1,4 – ISO 800


1/50 s @ F/1,4 – ISO 800


1/6 s @ F/4 -ISO 800

Tutte e tre le immagini sonostate scattate con obiettivo 50 mm F/1,4 a mano libera e stabilizzatore d’immagine attivato.

A breve, nuove immagini in arrivo.

Annunci




Spettri del bosco

16 12 2008

Sabato scorso sono partito abbastanza tardi, l’idea era una ciaspolata e magari qualche camoscio in mezzo alla neve, la giornata si è poi rivelata totalmente diversa.

A livello del lago c’è molta foschia, piove lentamente gocce grosse, di quelle che bagnano e ti lasciano zuppo da capo a piedi. Da diversi mesi non riesco più a dedicarmi con costanza al fotonaturalismo, le rare volte che sono uscito non ho portato a casa neanche uno scatto; mentre faccio queste riflessioni e sogno già qualche bel cinghiale che solleva polveroni di neve, il mio occhio si perde lungo la strada. Sono in macchina e guarda là….inaspettata una bella poiana (buteo buteo) zuppa d’acqua che se ne sta appollaiata su di un ramo. Faccio 500 m. tiro fuori il tele, giro la macchina e torno indietro a passo d’uomo: il bosco è fitto e le condizioni di luce sono pessime, nebbia e poca luce. Alzo la sensibilità a 1600 ISO e scelgo di lavorare in modalità spot in priorità dei diaframmi. So già che il rapace si insospettirà presto dell’automobile che procede così lentamente ed involerà, dovrò porre attenzione all’inseguimento ed ho bisogno che l’automatismo della fotocamera faccia il suo dovere senza bisogno della mia supervisione. Autofocus in All Servo e comincio a scattare mentre lei se ne sta ancora tranquilla sul ramo. La nebbia falsa l’esposizione, devo sovraesporre di 2/3 di stop per recuperare qualche dettaglio nei colori.

Oramai le sono quasi sotto e come previsto lei si invola, frizione schiacciata ed occhio al mirino…tra ta ta ta ta.. la raffica della Mark II le sta dietro senza problemi ma la direzione di volo la porta in pochi metri spalle all’obiettivo. E’ andata.

Pochi metri più avanti c’è uno spiazzo, lo sfrutto per girare la macchina e riprendere la strada per i monti. Non faccio a tempo a girarmi che un altro esemplare si lancia in mezzo all’intrico di rami: questioni di attimi, fotocamera, fuoco e scatto:

Uau! La giornata comincia bene, il soggetto non è nitidissimo ma l’ambientazione è spettacolare! Sembrano proprio spettri del bosco.

Arrivato ad Armio mi concedo un veloce aperitivo con Martina e poi una pasta rapida insieme agli amici Ribelli della Montagna. Ciaspole ai piedi e si parte, con più di un metro e mezzo di neve l’atmosfera è surreale, non c’è il minimo movimento, non si sente un rumore. Tutto è bianco e soffice, poche tracce nella neve, anche gli animali sono fermi tranquilli ad aspettare la notte, ora sono troppo vulnerabili.

Mi chiedo se qualche altro spettro dei boschi ci stia osservando tra i rami carichi di neve

Alla fine c’è chi non resiste alla tentazione di lanciarsi in quell’enorme tappeto bianco

Quando l’atmosfera si fa ancora più sospesa, rimango colpito dall’immobile attesa degli alberi

Ed ecco i valorosi che si sono lasciati trasportare dal fascino della montagna illibata

Alla prossima!

P.s.:  dopo riavvio totale del computer non sono ancora riuscito ad effettuare la calibrazione dei monitor, personalmente vedo una forte componente rossa ma potrebbe anche essere una dominante del mio sistema. Aspetto vostre confermeo smentite. Gracias!!





Luminoso inverno!

8 12 2008

Quando il cielo è limpido ed il sole alto nel cielo, i paesaggi innevati restituiscono un senso di gioia, freschezza, luminosità. Il manto nevoso funge da riflettore naturale modificando la luce che colpisce gli oggetti, tutto appare diverso da come lo osserviamo solitamente.  Siete mai stati attratti dalle radici di un faggio che formano incavi e caverne immaginarie? Tutte le volte ci si scontra con il forte contrasto luce ombra che si crea sotto la pianta. Basterebbe una bella luce diffusa..

1/1250 s @ F/5,6 – ISO 400 – Canon eos 1D-MkII, Ef 70-200 mm 2,8 L USM + Ef 2x

Quando si fotografano grandi superfici chiare, come può essere la montagna innevata, l’esposimetro viene ingannato e tenderà a compensare la forte luminosità proponendo una coppia tempo diaframma sottoesposta. Sovraesponendo intenzionalmente di qualche frazione di stop o di uno stop si recupera il bianco brillante della neve senza bruciarlo.

1/2000 s @ F/16 – ISO 400 – Canon eos 1D-MkII, Ef 70-200 mm 2,8 L USM + Ef 2x

1/500 s @ F/16 – ISO 400 – Canon eos 1D-MkII, Ef 70-200 mm 2,8 L USM + Ef 2x

Uno degli aspetti più interessanti di una nevicata, almeno per un fotonaturalista, sono le tracce lasciate sulla neve dal passaggio degli animali. Se ne ricavano moltissime informazioni: chi è passato, dove stava andando e da dove proveniva, il passaggio è occassionale o ripetuto.

Nello scatto seguente una foto ambientata delle tracce lasciate da una lepre:

1/4000 s @ F/5,6 – ISO 100 – Canon eos 1D-MkII, Sigma 24- 70 mm 2,8 Ex-Dg Macro

Il soggetto di questa foto sono le tracce della lepre, come esporle correttamente  in pieno controluce? Possiamo adottare diverse tecniche: la più semplice consiste nel prendere l’esposizione della traccia, adeguatamente compensata per il fatto di essere molto chiara e ricomporre l’inquadratura nel modo desiderato.  Questa operazione viene fatta in modalità manuale regolando tempo e diaframma, oppure in modalità semiautomatica utilizzando il comando di blocco dell’esposizione se la vostra macchina ne è provvista (soluzione effettivamente adottata nella foto).

Un altro approccio con il quale è possibile esporre correttamente una situazione di forte contrasto, è quella di modificare la lettura esposimetrica della vostra reflex in modalità spot. Così facendo l’esposimetro ridurrà l’area di lettura solamente ad una piccola percentuale del campo inquadrato situata al centro del mirino.

1/200 s @ F/8 – ISO 100 – Canon eos 1D-MkII, Sigma 24- 70 mm 2,8 Ex-Dg Macro

Serena è stata ripresa in modalità esposimetrica spot, prendendo come riferimento di lettura il viso.

Di seguito un altro esempio, la lettura è stata fatta sul tronco dell’albero:

1/1250 s @ F/6,3 – ISO 100 – Canon eos 1D-MkII, Sigma 24- 70 mm 2,8 Ex-Dg Macro

Alla prossima!!





Ricami dorati

30 11 2008

“Sabato mattina: sveglia rilassata, autobus, autostop e finalmente in cammino tra i boschi. La neve caduta da venerdi copre la montagna con circa 25-30 cm; macino i primi 400 metri di dislivello nel bosco, le raspate lasciate da cervi e cinghiali sono impressionanti per la loro estensione, come se gli animali fossero stati colti da panico per la prima seria nevicata. La nebbia avvolge gli alberi e sopra ,il cielo è grigio e carico, confido ricominci a nevicare ma appena uscito dal bosco inizia piovere goccioloni pesanti. Cammino un altra ora, coprendo altri 400 m. di dislivello sotto l’acqua; spero di incontrare qualche camoscio intento a scavare ma nulla. L’acqua intanto penetra i vestiti e la sento sulle spalle, è tempo di rimettere la fotocamera nello zaino e tornare a valle.”

Peccato. La camminata mi ha veramente rilassato ed è stato molto interessante poter lasciare il sentiero e laciarsi guidare dalle tracce degli animali: ho scoperto una valletta ricca di passaggi svelati dalla neve. D’altra parte, avevo veramente voglia di portare a casa qualche buono scatto ma l’unica operazione eseguita sulla macchina, è stato formattare la scheda prima di iniziare a camminare.

Vi posto uno scatto di qualche settimana fa per scacciare il freddo nelle ossa: uno degli ultimi raggi di sole su alcuni rami protesi verso l’acqua. Il contrasto con il lago scuro fa sembrare l’albero spoglio un ricamo dorato.


1/500 @ F/5,6 – ISO 1000 , Canon eos 1D Mark II . Canon Ef 70-200 2,8 L USM + Ef 2x





Caldo Novembre

17 11 2008

Questo fine settimana sono stato sulle cime della Veddasca, speravo di pestare un po’ di neve come è successo due settimane fa ma il bel tempo di questi giorni ha sciolto tutto quello che si era depositato al di sotto dei 1900 metri, lasciando solo qualche sporadica chiazza. In compagnia di un gruppetto allegro e rumoroso di ragazzi avevo già messo in conto che saremmo stati fortunati al solo avvistamento di qualche ungulato e mi ero messo l’anima in pace. Tra l’altro il caldo di questa settimana sta tenendo gli animali ancora alti, il nostro percorso rimaneva in quota ma non abbastanza. Così il sabato sera passato in bivacco è stato dedicato  ad una buona polenta, al tramonto alla luna ed alle stelle:

Canon 20D, Sigma 24-70 Ex-Dg 2,8 Macro: 1/100 sec @ F/4,5 ISO 200

Canon 20D, Canon 400 mm USM L f/5,6: 1/125 sec @ F/18 ISO 200

Canon 20D, Sigma 24-70 Ex-Dg 2,8 Macro: 30 sec @ F/5,6 ISO 200

Come potete leggere dai dati di scatto, fotografare la luna è come fotografare un corpo grigio neutro, l’esposizione corretta la otterremo ad 1/125 sec F/16 ISO 100, basterà giocare di uno o due stop per mettere in risalto i crateri, i mari oppure il profilo luminoso. Un buon cavalletto e l’utilizzo dell’autoscatto aiuta ad ottenere i risultati migliori, se poi vogliamo essere maniaci della nitidezza: usiamo lo scatto remoto ed il sollevamento preventivo dello specchio. Purtroppo, o per fortuna..la polenta e la compagnia erano talmente buone che siamo usciti a fotografare quando la luna era già alta in cielo, la luce riflessa non era l’ideale per immortalare la volta stellata, sarebbe stato meglio sfruttare il primo buio, quando il nostro satellite non era ancora sbucato da dietro le montagne.

La domenica ha riservato alcune sorprese, prima fra tutte un ciacolare sommesso che tanto ricorda il verso della coturnice. Esaltati all’idea di incappare in una brigata di questi tetraonidi, sbuchiamo con la testa al di sopra di un crinale ed uno stormo di 30-40 uccelletti si sono alzati in volo da terra spostandosi di una cinquantina di metri più in là…altro che coturnici! Erano dei non identificati volatili che in pieno controsole facevano lo stesso verso della coturnice!! Insomma ci hanno preso per il naso!

Canon 20D, Canon 400 mm USM L f/5,6: 1/500 sec @ F/5,6 ISO 200

Lungo la cresta che stavamo seguendo non è raro incontrare qualche camoscio ma tra il caldo e gli schiamazzi questo è tutto quello che abbiamo portato a casa:

Canon 20D, Canon 400 mm USM L f/5,6: 1/1600 sec @ F/5,6 ISO 200

In compenso, lungo una rasata frequentata dai cervi, due timidi caprioli risalivano la montagna facendo capolino di tanto in tanto tra un gruppo di arbusti e qualche albero, l’erba piegata dal freddo era ancora coperta di brina. Inquadro, li seguo, li seguo…tac! Due brevi raffiche tra un albero e l’altro giusto per portare a casa un paio di foto ambientate.

Canon 20D, Canon 400 mm USM L f/5,6: 1/250 sec @ F/5,6 ISO 200

Canon 20D, Canon 400 mm USM L f/5,6: 1/250 sec @ F/5,6 ISO 200

Come sempre, se avessi rinunciato e messo la fotocamera nello zaino, avrei perso queste occasioni.

A presto!





Atmosfera lacustre

10 11 2008

Come tutti i lunedi mattina, esco molto presto di casa per ritirare del materiale, quello che succede è che a volte debba aspettare un po’ con le mani in mano prima di poter ripartire. Spinto dall’obiettivo di trovare un buon soggetto per l’ultimo contest di Appunti Fotografici, “Nebbia“, ho deciso di impiegare questo tempo costeggiando il Lago Ceresio. Quando c’è acqua le occasioni di trovare foschia non si fanno attendere e proprio a Porto Ceresio, uggioso paesino sul confine Italo-Svizzero mi sono fermato attratto dal vecchio pontile e dal lago piatto.

Un traghetto riadattato a pub si specchia nell’acqua mentre il paesino sullo sfondo perde nitidezza, mi piace la figura del pescatore col cappuccio, di spalle, immobile anch’esso. L’atmosfera è sospesa…

La coltre lattiginosa desatura i colori ed una sottoesposizione decisa in macchina mi consente di chiudere le ombre e recuperare un po’ di contrasto sui colori pastello delle case. L’aria non è eccessivamente fredda ma l’umidità si fa sentire, difatti i comignoli fumano ed è facile immaginare il tepore del camino.

Nel frattempo il cielo diventa sempre più chiaro e gli autobus delle scuole si alternano davanti alla stazione del treno, il vociare dei ragazzi rompe il silenzio e così anche io mi riprendo dalla concentrazione in cui mi ero perso; tempo indefinito in cui lo sguardo cerca attento i colori, le forme, la luce e mischia queste ad altre sensazioni: l’odore dell’aria, la temperatura, i suoni. Certi momenti sono estatici e la fotografia diventa solo il documento di quell’attimo.

L’ultimo scatto di oggi ha una ragione più tecnica: dovevo provare il filtro graduato Cokin acquistato in fiera! Il traghetto era li, il paesino appoggiato alla montagna anche, manca solo un pezzo di cielo nell’inquadratura  e tutto trova il suo posto. Come ho detto prima la luce è salita e d il cielo nuvoloso risulterà inevitabilmente sovraesposto, forse per la prima volta sorrido di gusto a questa condizione e sfodero il mio nuovo Cokin serie P :

Ah!! Che soddisfazione veder bella delinata la nuvola che scivola lungo il profilo della montagna!! A riguardo seguiranno futuri esperimenti, ho due stop da giocarmi e non li ho ancora sfruttati!!

A presto!





Prima neve!

6 11 2008

Ragazzi, che spettacolo!

Finalmente la prima neve è arrivata anche nelle mie valli, aspettavo con ansia questo momento. Tra l’altro ho avuto il piacere di essere il primo a battere la traccia sul sentiero che porta al monte Lema. La temperatura era tale da permettermi di camminare in maglietta, probabilmente anche il peso dello zaino ha fatto la sua parte, ed una volta sulla cima uno spettacolo non ancora visto: l’arcobaleno dopo la nevicata!! La natura non finisce mai di stupire.

Durante il cammino la neve ha svelato il passaggio di cervi, camosci e gallo forcello attraverso le tracce lasciate sul manto bianco. Sapevo alla partenza che mi sarei pentito di non avere con me il teleobiettivo ed infatti un branco di dieci camosci era a portata di scatto. Mi sono mangiato le mani in particolar modo quando si è presentata una femmina con due piccoli dell’anno, molto curiosi si sono fermati ad osservare i quattro viandanti con gli zaini carichi. Peccato, ma d’altra parte mi aspettavo pioggia e lo zaino stracarico non lascia spazio a troppa attrezzatura, o per lo meno non in modo da rimanere adeguatamente protetta da quattro ore di cammino sotto l’acqua. A sorpresa invece il tempo è stato clemente e ci ha concesso un cielo limpido sul lago:

E nebbia fittissima una volta in cresta:

Dopo due mesi passati a fotografare solo eventi e matrimoni, finalmente sono tornato a respirare l’aria frizzante della quota e rilassare lo sguardo su monti, neve, acqua, nuvole ed animali. La sera passata in allegria all’Alpe Merigetto è come sempre degna e conviviale conclusione di una bella camminata.

A presto!!